Il Giornale dell\ ilgiornaledellarchitettura.comwww.allemandi.com

città, infrastrutture e territorio


CONDIVIDI Condividi su Facebook

A Genova protagoniste le «città gateway» europee

Roberto Bobbio, presidente sezione Liguria dell’Inu, presenta la nona edizione al via domani, per la seconda volta ospitata in Italia

Dal 14 al 17 settembre 2011 si terrà a Genova (nel Centro Congressi ricavato nei vecchi magazzini del Cotone al porto, a Palazzo Ducale, alla Commenda di Pré, antica sede dei cavalieri del Santo Sepolcro) la IX Biennale delle Città e degli Urbanisti d’Europa, dal titolo “Smart planning per le città gateway in Europa. Connettere popoli, economie e luoghi”, dedicata al tema delle “città gateway”, nodi degli scambi e dei traffici. Vi si discuterà dei modi in cui le città debbono gestire e possono valorizzare i crescenti flussi di merci e di persone che le investono, del rapporto tra città, infrastrutture, nuovi hub portuali e aeroportuali, della pianificazione “intelligente” - ossia della capacità delle città di svilupparsi in modo sostenibile, inserendosi nelle grandi reti di comunicazione e integrandosi nelle logiche di produzione e scambio dell’economia globale.
Quest’edizione della manifestazione nella quale si incontrano le associazioni europee degli urbanisti, riunite nell’Ectp - CEU (Consiglio europeo dei pianificatori), è la seconda che si tiene in Italia in Italia (la prima fu a Roma nel 1997).
Non è un caso che la IX Biennale abbia luogo a Genova, proprio nel momento in cui è in corso di adozione il Piano Urbanistico Comunale. Genova era stata proposta dall’Istituto Nazionale di Urbanistica quale sede in quanto città che tradizionalmente basa le sue fortune sulle attività commerciali e marittime e sul ruolo di cerniera tra nord e sud, tra Europa e Mediterraneo; l’Amministrazione Comunale ha fatto propria questa proposta, vedendovi la possibilità di presentare Genova come un nodo essenziale delle rete delle città europee e di ricevere sollecitazioni ad una più ampia discussione delle prossime politiche urbane.
Se per Genova la IX Biennale rappresenta un’occasione di promozione della città e di arricchimento del dibattito sul PUC, l’interesse generale della manifestazione risiede nella partecipazione di numerose “città gateway” europee, che illustreranno esperienze significative in materia di pianificazione e nuovo sviluppo urbano, e di esperti di livello internazionale, che inquadreranno le problematiche innescate dai nuovi flussi globali di traffico proponendo strategie di risposta.
Questa rappresentazione della gestione dei problemi e dell’innovazione urbana, allargata all’intero continente europeo e attenta alle esperienze più avanzate, consente (una volta tanto, nel nostro Paese) di soprassedere alle discussioni sulla forma del piano e di mettere da parte le polemiche sulla crisi (squisitamente italiana) del governo del territorio per considerare la ripercussione sulle città dei cambiamenti economici globali e della formazione di nuove reti di produzione e di scambio, cui non solo è connesso il benessere degli abitanti ma da cui dipende la stessa sopravvivenza delle città europee nella loro identità e configurazione storica.
La IX Biennale consiste principalmente in un Convegno internazionale di studi, organizzato in sedute plenarie che affrontano le problematiche più generali (nuovi scenari territoriali e sfide alle quali sono sottoposte le città europee, loro inserimento nelle politiche regionali e di coesione europea) e in workshop tematici paralleli che trattano temi specifici: città-porto e città-hub, ruolo strategico delle città gateway in Europa, pianificazione integrata dei corridoi di trasporto europei, formule di sviluppo urbano sostenibile, città-regione globali e Macroregioni in Europa, immigrazione e nuovi cittadini nelle città gateway.
Il terzo giorno della manifestazione è dedicato al caso Genova: presentazione del nuovo PUC, introduzione alla città e ai suoi processi di cambiamento, recenti, in corso o solo avviati, che saranno illustrati anche in sito tramite visite guidate al centro storico, al porto, a siti industriali in trasformazione.
Affianca l’attività convegnistica una mostra di piani e progetti articolata in una sezione riservata all’esposizione di proposte che hanno attinenza con le tematiche della biennale (nuovi sistemi logistici e di trasporto, applicazioni di tecnologie innovative alla riqualificazione urbana e territoriale) e in una sezione dedicata all’urbanistica a Genova e in Liguria; contemporaneamente, il Comune di Genova terrà aperta alla Loggia di piazza Banchi la mostra sul PUC, con la quale si è inaugurato il 14 luglio l’Urban Center della città (la mostra resterà aperta fino a dicembre).

Leggi il report dal nostro inviato Julian W. Adda
http://www.ilgiornaledellarchitettura.com/biennalecitta

di Roberto Bobbio, edizione online, 13 settembre 2011


Ricerca


VARIANTE 200 La Torino che cambia

Scarica il documento integrale (con testi in italiano e inglese) relativo al Masterplan Variante 200: un grande progetto di trasformazione urbana - messo a punto da un team internazionale guidato da Recchi Engineering - che interessa 900.000 mq di aree nella parte nord della città da riqualificare nei prossimi 15 anni




Società Editrice Umberto Allemandi & C. spa - via Mancini 8, 10131 Torino - 011.819.9111 - p.iva 04272580012